Interventi su impianti sportivi esistenti per migliorare l'inclusione sociale nei quartieri dove sono presenti criticità

Descrizione dell'intervento

Obiettivo del progetto, articolato in interventi diffusi sul territorio, è quello di recuperare infrastrutture destinate all'inclusione sociale, in sinergia con le azioni dell'Asse 3 finanziate con fondi FSE e in particolare con l'Azione 3.3.1, finalizzate al miglioramento del tessuto urbano in aree di criticità.
Attraverso il restauro e il ripristino funzionale di strutture sportive polivalenti, presenti in aree e quartieri degradati nella città insulare, nelle isole minori, nonché nei nuclei urbani della terraferma veneziana, si punta alla creazione di luoghi di aggregazione dedicati all'attivazione di nuovi servizi e attività a finalità sociale, che possano aumentare l'efficacia rispetto alle finalità di inclusione e alla riduzione della marginalità contemplati dall'Asse 3.
L'operazione, riprendendo principi e finalità contenuti nel “Libro bianco per lo sport”, fatto proprio dalla Comunità Europea (10/07/2007), è finalizzata ad intervenire sull'inclusione sociale attraverso la promozione di pratiche sportive in luoghi dedicati, gestiti dall'Amministrazione o dati in concessione ad associazioni sportive del territorio. Il recupero di impianti sportivi diviene così una leva per prevenire situazioni di marginalità e allo stesso tempo uno strumento per favorire l'integrazione e la solidarietà, in particolar modo in aree del territorio a maggior rischio di esclusione e marginalità.
A questo fine, in riferimento alle aree individuate come degradate di cui alle operazioni dell'Azione 3.3.1, è stata avviata una ricognizione per individuare gli impianti sportivi che necessitano di interventi di ripristino, il cui utilizzo verrà promosso verso target individuati, con azioni di accompagnamento e di promozione sociale secondo quanto previsto nell'ambito dell'Asse 3.
Questa attività di promozione verrà svolta dalle associazioni concessionarie della gestione di impianti sportivi che parteciperanno ad un progetto di accreditamento legato alla proposta di iniziative di inclusione di categorie deboli, connesse alla pratica sportiva.
Gli interventi potranno riguardare sia il recupero di impianti sportivi che di spazi aperti destinati ad attività sportive (es. campi da calcio, piste di atletica, piastre polivalenti, ecc.) al fine di favorire l'animazione sociale e l'offerta di servizi per prevenire e combattere fenomeni di esclusione sociale.
Secondo quanto illustrato al par. 1.1 Strategia di azione locale in apertura dell’Asse 4, l’operazione si articola in interventi localizzati in varie parti del territorio comunale, in aree degradate dove saranno attivate iniziative previste dall’Asse 3 – Azione 3.3.1.
In particolare si interverrà su:

Demolizione ex piscina di Favaro e costruzione nuova piastra polivalente
L’intervento (CI 14357) prevede la demolizione dell’ex piscina, struttura attualmente fatiscente e non utilizzata da anni, con sostituzione sullo stesso sedime di una piastra polivalente, a quota terreno, per un importo pari a € 230.000,00, interamente finanziato dal PON Metro. La nuova piastra, oltre a migliorare la qualità architettonica dell’area, si presta a varie tipologie di funzioni ed è funzionale ad una richiesta della collettività per svolgere attività sportive dilettantistiche e iniziative di animazione del quartiere. Il ripristino in uso di uno spazio, attualmente abbandonato, per fruizione collettiva potrà essere occasione per sollecitare l’associazionismo di quartiere e utilizzare gli spazi restituiti alla collettività.

Recupero edificio polifunzionale di Asseggiano
L’intervento (CI 14078) prevede il recupero statico dell’edificio, struttura non utilizzata da anni, con il restauro del primo piano comprensivo dell’adeguamento degli impianti tecnologici, per un importo complessivo dell’investimento pari a € 350.000,00, interamente finanziato dal PON Metro. Il recupero strutturale dell’edificio e architettonico impiantistico delle stanze al piano superiore permetterà di poter riutilizzare gli spazi per le attività ricreative al pianto terra e creare al piano superiore un nuovo spazio di aggregazione per la piccola della frazione. Il ripristino in uso di uno spazio, attualmente abbandonato, per fruizione collettiva potrà essere occasione per sollecitare l’associazionismo di quartiere e utilizzare gli spazi restituiti alla collettività.

Palestra ex scuola Gramsci - Intervento di ristrutturazione, adeguamento e messa a norma – Campalto
L’intervento (CI 14360) è finalizzato a rendere maggiormente fruibile la palestra della ex scuola Gramsci con interventi che dovranno, oltre che riqualificarla, assicurare l’acquisizione del Certificato di Prevenzione Incendi. Per la realizzazione dei suddetti interventi è prevista una spesa pari a € 190.000,00, interamente finanziata dal PON Metro. Una volta attuati gli interventi, la palestra e i locali di supporto, quali spogliatoi e servizi, oltre che risultare in sicurezza in materia di prevenzione incendi, garantiranno un più alto livello qualitativo per l’offerta di attività sportive dilettantistiche di livello quartierale, consentendo il miglioramento delle condizioni di aggregazione e socialità dei residenti del CEP Campalto.

Rifacimento del pacchetto di copertura della Palestra ex Stefani
L’intervento (CI 14359) prevede il rifacimento della parte superiore del pacchetto di copertura, con verifica statica della struttura, per un importo pari a € 320.000,00, interamente finanziato dal PON Metro. L’intervento consentirà di risolvere l’annoso problema delle infiltrazioni meteoriche della copertura, consentendo un uso regolare della palestra, evitando le interruzioni delle attività che si rendevano necessarie ad ogni evento meteorico. Tale intervento contribuirà al rafforzamento dell’importante azione sociale che detta attività sportiva rappresenta nel contesto urbano di Marghera.

Recupero del campo da basket e del campo da calcetto presso il Rione Pertini
L’intervento (CI 14387) prevede il rifacimento del fondo di una parte del campo da basket, interessato da un avvallamento, e la spruzzatura dell’intero manto sintetico, di mt 28x15 con apposita resina. E’ prevista inoltre la realizzazione di un nuovo campo per il calcio a cinque con manto in erba sintetica delle dimensioni complessive di mt 41x23, completamente recintato. Entrambi i campi da gioco saranno illuminati artificialmente.
L’intervento consentirà di risolvere il problema dell’avvallamento presente sul campo da basket e nel contempo di aumentare la fruibilità di un ambito ove vi sono situazioni di emergenza sociale. Il potenziamento dell’impiantistica sportiva, unito all’implementazione della pubblica illuminazione del vialetto di delimitazione tra area verde ed edifici residenziali, garantirà maggiore sicurezza.

Palestra ex Edison – Intervento di adeguamento e messa a norma con realizzazione nuovi spogliatoi e rimozione amianto dalla copertura della palestra
L’intervento (CI 14358) prevede la rimozione della copertura contenente amianto con la realizzazione di una nuova copertura in pannelli di lamiera sandwich, adeguatamente coibentati, oltre che interventi di adeguamento e messa a norma ai fini dell’ottenimento del Certificato Prevenzione Incendi e la ristrutturazione degli spogliatoi esistenti con la realizzazione di nuovi spogliatoi e servizi a supporto delle attività sportive.
L’intervento, oltre a risolvere l’annoso problema della presenza di una sostanza inquinante molto pericolosa, consentirà di rendere molto più fruibile e agevole la palestra stessa grazie alla ristrutturazione e alla realizzazione dei nuovi spogliatoi e dei servizi di supporto.

Campo da calcio Ca’ Emiliani adeguamento e messa a norma con ampliamento spogliatoi
L’intervento (C.I. 14362) prevede la ristrutturazione interna del corpo spogliatoi al fine di adeguarlo alla normativa, per un importo pari a € 300.000,00, interamente finanziato dal PON Metro. L’intervento consentirà di risolvere il problema della non rispondenza alla norma dell’impianto sportivo, contribuendo al rafforzamento dell’importante azione sociale che detta attività sportiva rappresenta nel contesto urbano di Marghera.

Palestra ex scuola De Nicola, Via Gobbi - Intervento di ristrutturazione, adeguamento e messa a norma.
L’intervento (CI 14361) prevede l’adeguamento della palestra e dei locali spogliatoi e servizi a supporto della stessa, per un importo pari a € 300.000,00, interamente finanziato dal PON Metro. L’intervento consentirà di rendere maggiormente fruibile l’utilizzo della palestra per attività di carattere non agonistico e quindi rivolto ad una platea di fruitori “deboli”, quali ad esempio gli anziani per lo svolgimento di attività motorie, ovvero bambini ovvero portatori di handicap per attività ludico-sportive incentrate fondamentalmente a favorire l’aggregazione sociale ed il benessere psico-motorio di queste particolari fasce di utenza.

Eliminazione infiltrazioni dal tetto presso la bocciofila dell’isola di Murano
L’Amministrazione, con questo progetto definitivo comprensivo del preliminare (C.I. 14084), intende soddisfare alcune carenze riferite dai gestori di detto impianto; a seguito di sopralluogo, condotto dai tecnici della scrivente, si è potuto accertare che l'accesso all'area di pratica sportiva presenta la seguente criticità: infiltrazioni di acqua piovana dalla copertura in lastre prefabbricate supportate da struttura metallica reticolare.

Sistemazione campo da calcio presso il centro sportivo di S. Mattia a Murano
L’Amministrazione, con questo progetto definitivo comprensivo del preliminare (CI 14085), intende soddisfare alcune carenze riferite dai gestori di detto impianto; a seguito di sopralluogo, condotto dai tecnici della scrivente, si è potuto accertare che l'accesso all'area di pratica sportiva presenta le seguenti criticità:
1) la pista di atletica, in particolar modo a seguito di piogge intense, viene invasa dalla ghiaia presente lungo il camminamento posto sul perimetro nord ovest dell’anello;
2) la rete di recinzione perimetrale in alcuni punti risulta danneggiata.

Centro sportivo isola di S. Erasmo, pavimentazione pista polivalente, campo bocce, impianti degli spogliatoi e illuminazione campo da calcio
L’Amministrazione, con questo progetto definitivo comprensivo del preliminare (CI 14086), intende soddisfare alcune carenze riferite dai gestori di detto impianto; a seguito di sopralluogo, condotto dai tecnici della scrivente, si è potuto accertare che l'accesso all'area di pratica sportiva presenta le seguenti criticità:
1)rottura in vari punti dell’impianto idrico sanitario di erogazione di acqua calda e fredda e malfunzionamento della caldaia e bollitore acqua calda;
2) alcuni oscuri in pessimo stato di conservazione a causa degli eventi atmosferici e
dall’esposizione ai venti da nord;
3) vistose infiltrazioni di acqua meteorica da una falda del tetto lato corridoio e spogliatoi;
4) i fari per l’illuminazione del campo da calcio attualmente non consento la disputa di partite in notturna e lo svolgimento degli allenamenti poiché alcuni fari sono spenti o in corto e pertanto necessitano di una revisione globale sia dei fari che del Q.E..

Palazzetto dello sport a Mazzorbo, lavori sulla copertura
L’Amministrazione, con questo progetto definitivo comprensivo del preliminare (C.I. 14087), intende soddisfare alcune carenze riferite dai gestori di detto impianto; a seguito di sopralluogo, condotto dai tecnici della scrivente, si è potuto accertare che l'accesso all'area di pratica sportiva presenta la seguente criticità: infiltrazioni di acqua piovana sul corpo spogliatoi provenienti dalla copertura e dai serramenti.

Associazione remiera "Voga e para" isola di Burano, infiltrazioni dalla copertura e rifacimento degli scarichi delle docce
L’Amministrazione, con questo progetto definitivo comprensivo del preliminare (CI 14088), intende soddisfare alcune carenze riferite dai gestori di detto impianto; a seguito di sopralluogo, condotto dai tecnici della scrivente, si è potuto accertare che l'accesso all'area di pratica sportiva presenta la seguente criticità: infiltrazioni di acqua piovana sul corpo spogliatoi provenienti dalla copertura e dai serramenti.

Eliminazione barriere architettoniche presso la sede del tiro con l'arco del Lido
Il presente intervento (C.I. 14090) mira ad eliminare le barriere architettoniche presenti presso l'impianto sportivo comunale sito in via Malamocco 14/B, attualmente in gestione all'Associazione Sportiva Dilettantistica "Compagnia Arcieri del Leon" del Lido di Venezia.
L'intervento trae origine dalla segnalazione di un'atleta disabile utente dell'impianto sportivo che ha evidenziato una serie difficoltà a frequentare in autonomia la struttura.
A seguito di sopralluogo, condotto dai tecnici della Direzione Lavori Pubblici, si è potuto accertare che l'accesso all'area di pratica sportiva presenta le seguenti criticità su cui si intende intervenire:
- lieve scalino (h. 4 cm) per superare il cancello principale d'accesso all'impianto;
- dislivello tra la quota d'accesso e quella d'ingresso all'edificio di circa 40 cm su una distanza di 15 m., il fondo è caratterizzato da erba su grigliato plastico che non favorisce la percorribilità con ruote sottili;
- lieve gradino (h. 4 cm) per superare la soglia d'accesso all'edificio;
- ulteriore lieve gradino (h. 4 cm) per superare la soglia tra il tunnel invernale e l'area di tiro esterna;
- l'accesso alla linea di tiro esterna è caratterizzato da una fascia perimetrale all'edificio di maglia di plastica inserita nel terreno erboso: tale elemento non agevola la libera motorietà della carrozzina;
- il percorso per arrivare ai batti freccia collocati alle distanze di 50-60-70 m. è in tappeto erboso.

Riqualificazione impianto bacini in arsenale
L’Amministrazione, con questo progetto definitivo (C.I. 14080), intende soddisfare alcune carenze riferite dai gestori di detto impianto; a seguito di sopralluogo, condotto dai tecnici della scrivente, si è potuto accertare che l'accesso all'area di pratica sportiva presenta le seguenti criticità:
1) Rifacimento del terreno di gioco in rba naturale, comprensivo di impianto di irrigazione, illuminazione e recinzione;
2) Manutenzione/sostituzione tribuna;
3) Ricavo di un campetto d’allenamento nell’area compresa tra il campo principale e la caserma dei sommergibili lato sud-ovest;
4) Demolizione completa delle strutture prefabbricate esistenti;
5) Ricavo nuovi spogliatoi all’interno della caserma sommergibili nel lato sud-ovest dell’edificio (piano terra).

Copertura pista di pattinaggio centro sportivo Montessori
Il presente intervento (C.I. 14615), ha per oggetto la realizzazione di una nuova copertura della pista di pattinaggio presso il centro sportivo Montessori.
L’Amministrazione intende, con questo progetto definitivo comprensivo del preliminare, soddisfare alcune carenze riferite dai gestori di detto impianto e a seguito di sopralluogo, condotto dai tecnici della scrivente, si è potuto accertare che l'area di pratica sportiva presenta le seguenti criticità:
1) la pista di pattinaggio risulta non fruibile soprattutto nel periodo invernale stante l’assenza di copertura che protegga gli atleti dalle intemperie ed in modo particolare nei giorni di pioggia mantenga agibile la pista altrimenti non sicura a causa dell’elevata scivolosità della stessa per i pattinatori;
2) non esiste un sistema di compartimentazione della pista rispetto le altre aree del centro sportivo, circostanza che comporta l’entrata indesiderata sulla pista sia in assenza degli atleti ovvero in assenza di sorveglianza con il pericolo che la stessa venga danneggiata a causa dell’utilizzo di strumenti non adatti, sia in presenza degli atleti stessi con il pericolo di infortuni per le persone che venissero a contatto con i pattinatori e viceversa.

Copertura pista di pattinaggio al parco Albanese
Il presente intervento (C.I. 14450), ha per oggetto la realizzazione di una nuova copertura della pista di pattinaggio presso il parco Albanese.
L’Amministrazione intende, con questo progetto definitivo comprensivo del preliminare, soddisfare alcune carenze riferite dai gestori di detto impianto e a seguito di sopralluogo, condotto dai tecnici, si è potuto accertare che la pista di pattinaggio risulta non fruibile soprattutto nel periodo invernale stante l’assenza di copertura che protegga gli atleti dalle intemperie ed in modo particolare nei giorni di pioggia mantenga agibile la pista altrimenti non sicura a causa dell’elevata scivolosità della stessa per i pattinatori.


Città

Venezia

Codice Progetto

VE4.2.1.a

Ambito

Azione

Azione 4.2.1

Soggetto attuatore

Comune di Venezia

R.U.P.

Simone Agrondi

Data inizio

01-04-2016

Data fine

31-12-2021

Avanzamento finanziario

Importo Programmato

€ 4.148.834,00

Importo Ammesso A Finanziamento

€ 3.225.000,00

Importo Giuridicamente Vincolante

€ 945.453,00

Importo Erogato

€ 792.494,00

Photogallery

Videogallery

Documentazione

Documenti non disponibili