Realizzazione di interventi innovativi per l'abitare a supporto del piano di riorganizzazione della residenzialità

Descrizione dell'intervento

L’intervento si colloca nel quadro più ampio di una strategia a livello cittadino che sostiene la definizione di un piano di riorganizzazione della rete residenziale a favore di soggetti fragili con problemi abitativi. Tale piano prevede il graduale e progressivo superamento della “istituzionalizzazione” di tali utenti e del sistema vigente di sistemazione degli anziani fragili con difficoltà di inclusione abitativa presso le Case di riposo. Tale sistema sarà mutato, mediante cambiamenti graduali, in un sistema di accoglienza per “persone svantaggiate” basato su formule innovative di cohousing e abitare sociale, con conseguente ottimizzazione dei costi e avvio di cooperazione per obiettivi condivisi tra il Dipartimento politiche sociali e il Dipartimento politiche abitative.
In questo contesto, gli interventi che saranno realizzati con le risorse del PON Metro consentiranno di predisporre le infrastrutture necessarie per l’implementazione di tale nuovo modello di inclusione abitativa e, al tempo stesso, forniranno a tale processo uno strumento operativo innovativo in termini di servizi integrati alla persona (cfr. Interventi scheda operazione Asse 3 - RM3.1.1.b).
Gli interventi strutturali previsti a carico dell’Asse 4, con i quali si recuperano e rendono disponibili spazi, alloggi e attrezzature a finalità socio-economica, ovvero per le esigenze della attività avviate sempre con risorse PON Metro-FSE, costituiscono la necessaria precondizione per l’erogazione dei servizi alla persona progettati a valere sull’Asse 3. Tali interventi inoltre si affiancano al contesto delle azioni di housing sociale in corso di implementazione con la strategia cittadina per l’inclusione abitativa dei senza dimora (PON Metro + PON Inclusione + FEAD).
Alcune strutture di proprietà comunale precedentemente adibite a case di riposo insieme ad altri immobili, confiscati alla criminalità organizzata, saranno destinati a strutture di accoglienza di piccole dimensioni a gestione familiare, di case in semi-autonomia e cohousing.
Gli immobili destinati alla realizzazione del progetto sono edifici di medie e piccole dimensioni (appartamenti), situati in quartieri semicentrali e periferici della città, facilmente raggiungibili con i mezzi pubblici e prossimi ai servizi della zona.
Il progetto coniuga il miglioramento della qualità della vita delle persone e l’ampliamento dell’offerta residenziale a livello cittadino alla realizzazione di interventi di rigenerazione urbana con la ristrutturazione e riqualificazione di edifici non utilizzati.
Il progetto prevede la ristrutturazione e l’arredo delle seguenti strutture e unità immobiliari:
- la palazzina “ex uffici” nel complesso immobiliare denominato “Casa Vittoria” sito in Via Portuense, 220 per la realizzazione di un cohousing con 14 miniappartamenti.
- Appartamento Via Valle Alessandra 46 pal. A int. 1, ove si realizza una convivenza in semiautonomia per 6 persone.
- Appartamento in Via di Rocca Cencia 49 int. 4, per la realizzazione di una convivenza in semiautonomia per 6 persone.
- Parco di Vejo - Via Rocco Santoliquido 88 - Palazzina C, dove sono previste n. 2 comunità alloggio per 10 persone ciascuna e n. 1 convivenza in semiautonomia/cohousing per 5 persone.
- Appartamento in Via Capparoni per la creazione di n. 1 convivenza in semiautonomia/cohousing per 6 persone.


Città

Roma

Codice Progetto

RM4.1.1.c

Ambito

Azione

Azione 4.1.1

Soggetto attuatore

Roma Capitale

Codice Unico Progetto - CUP

J82F17000490001

J82F17000500001

J85I17000330006

R.U.P.

ND

Data inizio

01-06-2017

Data fine

01-12-2018

Avanzamento finanziario

Importo Programmato

€ 927.248,00

Importo Ammesso A Finanziamento

€ 956.700,00

Importo Giuridicamente Vincolante

€ 152.248,00

Importo Erogato

€ 90.173,00

Photogallery

Foto non disponibili

Documentazione

Documenti non disponibili