Infrastrutture per l’inclusione sociale

Promuovere l’inclusione sociale e combattere la povertà e ogni discriminazione.

Realizzazione e recupero di alloggi
Il Programma sostiene la realizzazione di opere pubbliche (insieme all’acquisto e installazione di beni, forniture e impianti tecnologici connessi ai lavori) finalizzate alla creazione o recupero di alloggi da destinare all’assegnazione a individui e famiglie con particolari fragilità sociali ed economiche. Tali attività rispondono all’esigenza primaria di ridurre il numero di famiglie in condizioni di disagio abitativo, attraverso lo scorrimento delle liste di attesa per l’accesso all’edilizia residenziale pubblica, nonché all’attivazione di modelli abitativi con forte valenza sociale (ad esempio ‘alloggi protetti’ in cui individui fragili possono essere presi in carico e accompagnati al superamento di disagi abitativi, lavorativi e sociali), anche temporanei o improntati alla co-abitazione, nell’ambito di progetti di protezione, inclusione e reinserimento sociale rivolti al nucleo familiare o agli individui, e in relazione a strategie più ampie di rigenerazione volte ad aumentare i servizi collettivi presenti nelle aree e quartieri oggetto di intervento. L’azione sarà rivolta a nuclei familiari fortemente bisognosi, la cui selezione avverrà attraverso canali istituzionali che definiscono modalità di accesso legate alla situazione economica del nucleo familiare, rilevata attraverso l’Indicatore di Situazione Economica Equivalente (ISEE), oppure, nel caso di categorie target particolari oggetto degli interventi FSE dell’Asse 3 e persone con forme di esclusione estrema e grave vulnerabilità legate a condizioni di fragilità fisica, psicologica e sociale (ad esempio le persone senza dimora e nuclei familiari Rom insediati nei campi), attraverso strumenti di valutazione multidimensionale del bisogno (VMD). Nel caso di alloggi da destinare a persone che oltre a gravi condizioni di disagio economico manifestino anche disabilità e gravi limitazioni nell’autonomia, l’Azione sostiene anche opere volte all’abbattimento delle barriere architettoniche e l’installazione di impianti tecnologici propri del paradigma ambient assisted living in coerenza con l’Azione 9.4.4 dell’AP.

Recupero di immobili inutilizzati e definizione di spazi attrezzati da adibire a servizi di valenza sociale
Le azioni che rispondono all’attuazione del presente obiettivo specifico costituiscono il complemento infrastrutturale agli interventi del FSE volti a sostenere il miglioramento del tessuto urbano attraverso l’attivazione dell’economia sociale per lo start-up di nuovi servizi di prossimità in territori e quartieri di forte criticità. Il Programma sostiene, infatti, la realizzazione di opere pubbliche e l’acquisto e installazione di beni, forniture e impianti tecnologici finalizzati alla creazione o recupero di strutture esistenti da destinare all’attivazione di nuovi servizi e ad ospitare le attività promosse nell’ambito dell’Azione 3.3.1 dell’Asse 3-FSE dedicata a economia e attivazione sociale. Gli spazi così realizzati saranno utilizzati al fine dell’incubazione temporanea dei progetti di innovazione sociale selezionati per le attività di accompagnamento dell’Azione 3.3.1 oppure potranno essere assegnati in gestione a soggetti del terzo settore individuati con procedure di evidenza pubblica ai fini dello lo svolgimento di iniziative e progetti dedicati ad attivare nuovi servizi di prossimità e animazione sociale con finalità di inclusione. Tali assegnazioni avverranno, in conformità a quanto previsto dall’AP relativamente a beni e servizi pubblici altrimenti non assicurati dal sistema imprenditoriale “for-profit” e secondo le modalità ordinarie di evidenza pubblica previste dalla legge, che saranno valutate attentamente in ragione delle caratteristiche tipologiche degli immobili e a seconda del servizio (ad esempio in comodato d’uso gratuito, in concessione di gestione, o tramite appalto di servizi comprensivo della gestione dello spazio in cui il servizio va erogato. L’Azione può sostenere anche attività di sistemazione degli spazi aperti di pertinenza degli edifici interessati dalla ristrutturazione.